Suoi contestatori hanno predisposto altri 239 anagrammi da utilizzare su striscioni insequestrabili

Non è difficile comprendere cosa c’è scritto sotto queste frasi. Basta cancellare le lettere che compongono la parola Salvini. È questo il modo scelto dai contestatori baresi per accogliere il Ministro degli Interni ieri pomeriggio a Bari in occasione di un suo comizio elettorale.

La protesta degli anagrammi sugli striscioni è stata organizzata dall’agenzia di comunicazione, la FF3300 onde evitare ai cittadini di essere costretti a togliere dai loro balconi gli striscioni stessi, evitandone il sequestro. Con l’aiuto di un algoritmo sono stati individuati 240 anagrammi, tra cui, oltre a quelli riportati nel titolo: • “al rimi svenda”, “armi il svenda”, “dal rami vinse”

Tra questi striscioni ne è apparso uno molto originale, in formula matematica, che rinvia alla smorfia napoletana : “49+22=71”dove 49 sta per i milioni rubati dalla Lega, 22 è il numero utile per arrivare a 71. Nella smorfia napoletana 71 sta per “Omme e m…”