L’avevano definita la pupazza, la bella addormentata nel lettone di Putin in casa Berlusconi, la scema in carrozza, la bella ma stupida. Invece? Eccola Mara Carfagna, battagliera, forte, passionale, energica, coerente con le sue idee di sempre: Forza Italia cui ho aderito è una forza moderata che non può e non deve appiattirsi sulle posizioni di Salvini. E, udite, udite, va allo scontro nientedimeno con Silvio Berlusconi.

Qualche sera fa, a tavola con il commendatore, in quel di Arcore, tra i due si consuma lo strappo finale. la mattina dopo, infatti, al festival del giornale on line LInkiesta, la dissidente Carfagna conferma i suoi dubbi sull’alleanza con la Lega, non crede alla conversione salviniana e butta lì: “Se Renzi dichiarasse di non voler sostenere più il governo di sinistra ma di avere altre ambizioni, Forza Italia Viva potrebbe essere una suggestione”. Berlusconi in serata ribatte: “Chi sceglie di andare con Renzi non ragiona, perché va nella metà campo sbagliata e in una coalizione perdente. Ma soprattutto tradisce i nostri elettori e i nostri valori”.

Ovviamente i tempi, per una eventuale convergenza sul nuovo partito di Renzi, non sono maturi. Mara Carfagna è convintamente all’opposizione dell’attuale Governo supportato, seppure a termine, da Italia Viva. D’altra parte, Renzi sa che, prima o poi, Forza Italia imploderà: “Tanti berlusconiani, persone serie e preparate, stanno ragionando. Le nostre porte sono aperte. Anche per la Carfagna ma non la tiro per la giacca”. In effetti sono almeno 15 i deputati del partito di Berlusconi in sofferenza. Si Fanno i nome di Luigi Casciello, Marzia Ferraioli e Enzo Fasano, Osvaldo Napoli e Daniela Ruffino, Renata Polverini, Alessandro Cattaneo.

Non potevano mancare le aggressioni, dopo questa presa di posizione di Mara Carfagna.  Inizia Berlusconi parlando di indecisi e “traditori”, “La cena non è servita a niente, Mara decida se restare o andare via”. Proseguono in via anonima la Carfagna avrebbe chiesto la poltrona di vicepresidente, accanto ad Antonio Tajani. Al che, la Cafagna la donna bella e con le palle, risponde: “Ma vi pare che chiedo posti dopo la farsa della nomina a coordinatrice che è durata due mesi?”.

_____________
*foto ANSA