I falsi problemi non sono solo quelli inesistenti ma anche e soprattutto quelli posti ad arte all’attenzione della pubblica opinione per fare confusione, creare disagio, paure, divisioni, steccati e coseguenti lotte fratricide.
Prendiamo i problemi posti dalla sinistra (cannabis e ius scholae), quelli posti dal M5S (reddito di cittadinanza, termovalorizzatore a Roma, armi all’Ucraina), quelli posti dalla destra ( pensioni, taglio delle tasse, pace fiscale e autonomia differenziata).
Ebbene, tutti questi problemi possono essere risolti molto facilmente se solo viene accantonata una verità drammatica: il desiderio dei singoli di avere ragione sull’altro, di prevaricarlo, di sottometterlo in nome di non si sa quale diritto divino, se non quello umano di comandare e mantenere un potere.

1. Cannabis: basta rimettersi ai dettami della scienza e non ad altro.
2. Ius scholae (cittadinanza a chi, nato in Italia, completa un ciclo di studi in Italia di 5 o 8 anni): basta guardare ai tanti ragazzi di colore che vestono la maglia della Nazionale dandole prestigio e onore
3. reddito di cittadinanza: basta eliminare le truffe e la voglia di starsene sul divano.
4. termovalorizzatore: va bene dire no, ma quale alternativa? ce n’è un’altra valida e veloce? se c’è la si applichi, senza tanto clamore
5. armi all’Ucraina: ha senso per l’Italia differenziarsi da 44 nazioni della nato e percorrere una strada in solitaria, magari a braccetto di Orban capo di una nazione più piccola della Lombardia?
6. Taglio delle tasse: semplice da risolvere, basta ridurre le spese dello stato perché non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca: per ogni euro di risparmio delle spese, un euro di riduzione delle tasse.
7. Pace fiscale: e va ben, vuoi un altro condono, ancora uno? comincia a sottoscrivere con il sangue che sarà l’ultimo, promuovi una legge costituzionale che lo impedisca da oggi all’eternità, a meno che tu non voglia dirci che evadere è bello
8. Autonomia differenziata: va bene a meno che questo non significhi creare le regioni dei ricchi e quelle dei poveri.

Qualcuno dirà che sono risposte banali a problemi veri: Io dico che sono risposte serie a problemi falsi. Letta, Salvini, Conte ecc.. sono persone serie (allora evitassero steccati inutili) o persone prese dal desiderio orgastico di sopraffare gli altri facendo danni rilevanti per la già povera Italia?

Questi signori dovrebbero sapere che i problemi veri sono la guerra, l’inflazione, le pandemie e, non ultimo, la denatalità. Le forze di lavoro, tra i 15 e i 34 anni, in vent’anni sono passate da 9,4 milioni a solo 6 milioni.