La coerenza è sicuramente una dote rassicurante che ha un grande valore sia nella vita che nel lavoro. Conseguentemente, sono tantissimi coloro che detestano cambiare idea e, soprattutto, renderlo pubblico. Se ne fanno vanto e gloria.

Sta di fatto però che, come dimostrato da decine di ricerche scientifiche, superato un certo limite, la coerenza diventa pura cocciutaggine, con il rischio di risultare ridicoli nel migliore dei casi, se non addirittura stupidi o fanatici: non cambiano idea e non intendono cambiare argomento. Infatti, dai dibattiti politici alle interazioni quotidiane, spesso si incontrano persone disposte a sostenere la loro posizione nonostante tutto e tutti. Basti pensare ai tanti che, per quanto istruiti e ben intenzionati, nonostante prove schiaccianti del contrario, continuano a perseverare nella loro idea chiaramente confutata.

Viceversa, è dimostrato che un deciso ragionato chiaro mutamento di opinione, rispetto a ciò che si affermava precedentemente, viene visto da chi sa pensare, sa leggere o sa ascoltate come un segno di intelligenza, di versatilità e di apertura mentale.

Pensare, leggere, ascoltare, e poi elaborare tutte le informazioni, senza fermarsi mai, scartando e distillando, porta a una idea compiuta sana proficua per la società.

George Bernard Shaw diceva: Chi non può cambiare idea non può cambiare nulla.