Meloni dice: “Gli italiani sanno che lavoro per loro”. E lo credo, la paghiamo noi. Ma il
problema non è lavorare. Il problema è saper lavorare con efficienza ed efficacissimo.

Dopo due mesi, il mio modesto parere è che tu cara #Meloni hai lavorato in modo confuso, scombussolato, inconcludente. Insomma, hai lavorato male. E lo dimostro.

Sembrava tutto in discesa o quasi, considerando il lavoro “in continuità” con l’esperienza Draghi e il via libera delle istituzioni europee. Invece, ne abbiamo viste di ogni.
La gestione della legge di bilancio in tal senso è paradigmatica, tra errori, ritardi e scelte incomprensibili.
Abbiamo assistito a un clamoroso dietrofront sui pagamenti elettronici, dopo un balletto di cifre e ipotesi totalmente incomprensibile. Abbiamo visto una serie di tentativi di inserire condoni, scudi fiscali e penali, senza una ratio chiara e definita, con decine di variazioni richieste dalla Ragioneria dello Stato per riportare il Governo al rispetto delle regole di bilancio. Abbiamo assistito alla indecente operazione di reinserire negli ospedali il personale no-vax con la promessa di non far pagare loro multe accumulate nel tempo a causa del loro comportamento illegale. Insopportabile è la generosa dilazione, dei pagamenti delle ritenute Irpef, dell’Iva e delle addizionali, concessa alle società sportive (il cosiddetto salvacalcio), che inizialmente era accompagnata addirittura da uno scudo penale. Per finanziare questa schifezza, sono stati decisi aumenti di tabacchi e benzina. È stato lisciato il pelo agli evasori fiscali (autonomi, commercianti e professionisti e artigiani) con flat tax e innalzamento del contante. Abbiamo assistito sgomenti alle sceneggiate sul MES: ci si nascondeva dietro la Corte Costituzionale tedesca sperando che essa decidesse negativamente anche per noi. Non è stato così è siamo l’unico paese europeo (unico e solo) a non aver ratificato il trattato sul MES con il risultato che, se mancherà definitivamente la nostra firma, il trattato decadrà a danno di tutti gli altri paesi europei che lo considerano importante. Il risultato di questo atteggiamento è l’impossibilità di finanziare il sistema ospedaliero per ben 35 miliardi. Ultimo ma non meno importante, il governo ha smontato il reddito di cittadinanza senza però chiarire cosa intenda fare per assistere le persone che si troveranno in grave difficoltà.

meloni cara: lavorare va bene ma, nella tua posizione, se si lavora senza costrutto, sono uccelli amari solo per noi.